Tartrato di Antimonio e Potassio

Anche per il Tartrato di Antimonio e Potassio si possono porre gli stessi dilemmi che abbiamo gia spiegato nella pagina del Tartrato di Sodio e Potassio. Naturale Racemico o Sintetico da un punto di vista della struttura chimica. Questa volta iniziamo a parlare del prodotto RACEMICO: si tratta di un prodotto SINTETICO ottenuto mediante gli stessi processi già descritti per il Tartrato di Sodio e Potassio; esso è da un punto di vista normativo un prodotto diverso da quello NATURALE, tant’è che ha un numero di cas differente e in questo caso anche un aspetto dei cristalli diverso con una densità apparente del prodotto inferiore (ovvero a parità di peso occupa un volume maggiore). Questo prodotto usualmente viene importato dalla Cina. Il prodotto naturale di origine vinica è quello che viene preparato presso il nostro stabilimento, per questo prodotto valgono tutte le avvertenze gia espresse per il Tartrato di Sodio e Potassio, fatto comunque salvo che in questo caso stiamo parlando di un prodotto che non è comunque destinato all’alimentazione umana, ma ad un uso esclusivamente tecnico. Il prodotto naturale “di sintesi” (origine Cinese) al momento sembra non essersi ancora inserito nel mercato europeo, probabilmente a causa dei limitati quantitativi che vengono consumati, non è ancora stato prodotto.

History

Il Tartrato di Antimonio e Potassio, è da sempre anche conosciuto con il suo nome comune di Tartaro Emetico, dovuto alle sue spiccate qualità emetiche, ovvero di indurre il vomito qualora deglutito. La formula chimica del tartrato di Antimonio e Potassio si evolve con il progredire dei sistemi di analisi strutturale; inizialmente era conosciuto con la formula che riportava il Merck Index ottava edizione, 1968: Successivamente venne scoperta la formula attuale con due atomi di Antimonio che viene universalmente riconosciuta (ed ovviamente riportata anche sul Merck index gia nella 11° edizione del 1989) Storicamente il fatto che la formula sia mutata nel tempo e che essa potesse essere vista come derivato di diverse strutture di base ha anche creato qualche problema nel definirne il numero di CAS, tant’è che il fatto che ogni molecola abbia un singolo ed univoco numero di cas qui viene meno. A titolo informativo riportiamo alcuni dei più usati numeri di cas che identificano il Tartrato di Antimonio e Potassio: • Numero CE 229-436-1 CAS 6535-15-1 antimony(3+) potassium [R-(R*,R*)]-monotartrate • Sale tri idrato CAS 28300-74-5 dipotassium bis[μ[tartrato(4-)O1,O2:O3,O4]]diantimonate (2-) , stereoisomer. • La farmacopea degli Stati Uniti anche la formula del sale anidro con il CAS 11071-15-1, questo CAS corrisponde al numero CE 234-293-3; NB il numero CE è sempre riferito ai soli composti anidri. • CAS 64070-12-8 dl Tartrato di Antimonio e Potassio (Racemico) • CAS 64070-11-7 d Tartrato di Antimonio e Potassio.

Uses

USI DEL TARTRATO DI ANTIMONIO E POTASSIO • Industria tessile (Come mordente per Ryon e Cotone). • Industria del quoio come mordente per le pelli. • Industria dello zinco (per la purificazione elettrolitica dello zinco: rimozione di Cobalto e Nickel). • Industria galvanica: per il rivestimento e la brunitura dei metalli. • Industria delle vernici: antivegetativo per le vernici marine . • Ritardante di fiamma: nell’industria delle costruzioni, plastica e gomma. • Industria delle ceramiche: come colorante della superficie ceramica. • Antimonio solubile: in tutti I processi dove è necessario dell’Antimonio solubile.

Packaging

  • Sacco di carta da 25 Kg
  • Fusti in Fibra da 50 Kg
  • Bancale di sacchi di carta da 1000 Kg
  • Bancale di fusti in fibra da 900 Kg

Certificazione

Attualmente non vi sono certificazioni disponibili per questo prodotto.

Specifiche

Su richiesta del cliente sono disponibili gradi di purezza personalizzati.